Cerca nel blog

la storia del mio blog

sabato 29 ottobre 2011

Le fave da morto

Le fave da morto  fanno parte dei ricordi della mia infanzia. Era tradizione che la notte tra 1° e il 2 nov. i nostri cari defunti : ( nel mio caso era nonno Peppe ) mi ponesse sotto il cuscino una bustina di fave dall'indimenticabile profumo di mandorla e cannella. Appena mi svegliavo, e in quella mattina era sempre presto, infilavo subito la mano sotto il cuscino per vedere se c'erano, allora chiamavo. " Mamma, vieni a vedere, me le ha portate!! " . Mia madre arrivava stupita e felice che l'evento ancora una volta si era avverato!!!

           
                             La ricetta è della mia amica Monica

PROCEDIMENTO:

Frullare con 300gr di zucchero le mandorle amare e dolci
In una ciotola montare le uova intere con altri 300gr di zucchero
Aggiungere il burro morbido
La cannella e il liquore all'amaretto
1 pizzico di sale
Le mandorle frullate con lo zucchero
La farina e il lievito in polvere
L'impasto resta morbido e appiccicoso
Per formare le palline aiutarsi con due cucchiai
Trovo utile prima di metterle in teglia passarle nella farina e formare le palline con le mani.
Perchè per il mio gusto, dopo la cottura, sono più morbide e gonfie.
Infornare a 180° per circa 7-10 min. Per assicurarsi che siano cotte al punto giusto,girarne una sottosopra e se è dorata , toglierle dal forno anche se inizialmente sono morbidissime. Quando si freddano si induriscono.




       

                                 CHE PROFUMO IN CASA !!!!!!!

4 commenti:

  1. Sono proprio invitanti!!!brava
    Silvia

    RispondiElimina
  2. Ok, le fave da morto non mi fanno impazzire; tuttavia avevo rimosso completamente la tradizione di questi dolci e ho deciso che quest'anno ne farò qualcuna che metterò sotto il cuscino del mio bambino. Vi farò sapere. A presto e Buona Festa di Ognissanti.

    RispondiElimina
  3. BUONISSIME GRAZIE ANTONELLA!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  4. antonellina non si vede la cottura........

    RispondiElimina